counter create hit The Fault Line: Traveling the Other Europe, From Finland to Ukraine - Download Free eBook
Hot Best Seller

The Fault Line: Traveling the Other Europe, From Finland to Ukraine

Availability: Ready to download

An award-winning writer travels the eastern front of Europe, where the push/pull between old empires and new possibilities has never been more evident. Paolo Rumiz traces the path that has twice cut Europe in two--first by the Iron Curtain and then by the artificial scaffolding of the EU--moving through vibrant cities and abandoned villages, some places still gloomy under An award-winning writer travels the eastern front of Europe, where the push/pull between old empires and new possibilities has never been more evident. Paolo Rumiz traces the path that has twice cut Europe in two--first by the Iron Curtain and then by the artificial scaffolding of the EU--moving through vibrant cities and abandoned villages, some places still gloomy under the ghost of these imposing borders, some that have sought to erase all memory of it and jump with both feet into the West (if only the West would have them). In The Fault Line, he is a sublime and lively guide through these unfamiliar landscapes, piecing together an atlas that has been erased by modern states, delighting in the discovery of communities that were once engulfed by geopolitics then all but forgotten, until now.The farther south he goes, the more he feels he is traveling not along some abandoned Eastern frontier, but right in the middle of things: Mitteleuropa wasn't to be found in Viennese caf�s but much farther east, beyond even Budapest and Warsaw. As in Ukraine, these remain places in flux, where the political and cultural values of the East and West have stared each other down for centuries. Rumiz gives a human face not just to what the Cold War left behind but to the ancient ties of empire and ethnicity that are still at the root of modern politics in flash-point areas such as this.


Compare

An award-winning writer travels the eastern front of Europe, where the push/pull between old empires and new possibilities has never been more evident. Paolo Rumiz traces the path that has twice cut Europe in two--first by the Iron Curtain and then by the artificial scaffolding of the EU--moving through vibrant cities and abandoned villages, some places still gloomy under An award-winning writer travels the eastern front of Europe, where the push/pull between old empires and new possibilities has never been more evident. Paolo Rumiz traces the path that has twice cut Europe in two--first by the Iron Curtain and then by the artificial scaffolding of the EU--moving through vibrant cities and abandoned villages, some places still gloomy under the ghost of these imposing borders, some that have sought to erase all memory of it and jump with both feet into the West (if only the West would have them). In The Fault Line, he is a sublime and lively guide through these unfamiliar landscapes, piecing together an atlas that has been erased by modern states, delighting in the discovery of communities that were once engulfed by geopolitics then all but forgotten, until now.The farther south he goes, the more he feels he is traveling not along some abandoned Eastern frontier, but right in the middle of things: Mitteleuropa wasn't to be found in Viennese caf�s but much farther east, beyond even Budapest and Warsaw. As in Ukraine, these remain places in flux, where the political and cultural values of the East and West have stared each other down for centuries. Rumiz gives a human face not just to what the Cold War left behind but to the ancient ties of empire and ethnicity that are still at the root of modern politics in flash-point areas such as this.

30 review for The Fault Line: Traveling the Other Europe, From Finland to Ukraine

  1. 5 out of 5

    Sandra

    Alla fine della lettura sono più brava in geografia, precisamente nella geografia dei paesi baltici e dell’est: il viaggio di Rumiz inizia dal profondo nord, quasi dal Circolo Polare Artico, da quelle terre frastagliate, dai confini incerti, tra Finlandia, Norvegia e Russia, pianure sconfinate senza alberi e pochissimi esseri viventi, per scendere in verticale fino al Mar Nero. Il viaggio si svolge sul filo delle frontiere che in alcuni punti sono diventate le frontiere tra l’Europa, tanto vitup Alla fine della lettura sono più brava in geografia, precisamente nella geografia dei paesi baltici e dell’est: il viaggio di Rumiz inizia dal profondo nord, quasi dal Circolo Polare Artico, da quelle terre frastagliate, dai confini incerti, tra Finlandia, Norvegia e Russia, pianure sconfinate senza alberi e pochissimi esseri viventi, per scendere in verticale fino al Mar Nero. Il viaggio si svolge sul filo delle frontiere che in alcuni punti sono diventate le frontiere tra l’Europa, tanto vituperata da Rumiz, e l’Est, la vecchia Russia, oggetto di nostalgica ammirazione da parte di Rumiz. Il suo viaggio di frontiera va in cerca delle minoranze etniche che, in passato, erano la ricchezza di quelle terre: ciò che emerge alla fine è che “i diversi”sono cambiati, non ci sono più gli ebrei, che erano parte della storia e della cultura di quelle zone, ci sono gli zingari, ci sono soprattutto i russi che ora sono una minoranza odiata in terre come quelle baltiche e in Ucraina. Sarebbe potuto essere un viaggio più coinvolgente, invece l’ho trovato a volte superficiale: Rumiz è nostalgico dell’epoca in cui c’era la vecchia URSS, non tanto per la politica ma più per come funzionava, simpatizza con tutti i russi che incontra lungo la strada. Saranno pure simpatici ‘sti russi, però scriverci un intero libro sull’argomento è esagerato.

  2. 4 out of 5

    Louise

    Paolo Rumiz and his translator/companion/photographer Monika travel light. With only backpacks and one change of clothes they take trains and buses from northernmost Finland to the Ukraine. Their route is vertical but often zig zags crossing Russia’s western “border zone”/Europe’s frontier” several times. Paolo and Monika enjoy most the places tourists visit least. They acquainted me with remote places such as Kirkenes (the place of the northernmost internet connection), Monchegorsk (“ the merin Paolo Rumiz and his translator/companion/photographer Monika travel light. With only backpacks and one change of clothes they take trains and buses from northernmost Finland to the Ukraine. Their route is vertical but often zig zags crossing Russia’s western “border zone”/Europe’s frontier” several times. Paolo and Monika enjoy most the places tourists visit least. They acquainted me with remote places such as Kirkenes (the place of the northernmost internet connection), Monchegorsk (“ the meringue city”), Karelia (the start/end of the arctic circle) and the Solovetskys (the monastery islands). Once they cross over to Estonia, Latvia, Kaliningrad, Poland and points further south they see the influence of the EU, the USA and an intense pace of life. The descriptions are wonderful, from the processing of crabs with 6 foot claws in Kamchatka, to varied and often ominous border crossings (days long lines for Estonia-Russia) to the curfew for men (not women or boys) in Belarus cities to a shakedown in the Ukraine. Throughout the trip they note synagogues and an historical Jewish presence, but few Jews. They learn that most who survived the war left in 1990’s when visas became easier to get. Through conversations with locals (Paolo says you can't learn what is happening from diplomats in airports) you hear that not all are thrilled with the collapse of communism. Alya Andreyevna morns her job in a now vanished day care center and the team spirit of the past. She worries that the wooden houses of her town will be bulldozed to make room for cement buildings. Another woman longs for the order of the past and says there is too much drinking now. The market economy is bringing tourists to the arctic who shoot reindeer for only their antlers and businesspeople who exploit the once shared lands. I liked the narratives about people with quotes from the everyday conversations. The best was that of Tatiana and Vitaly of Lovozero glimpsing their lives and showing the worry foreign house guests can cause. The portraits of places were good, but had me going to the internet for orientation (how big is this city? Where, exactly is this?). Despite the depth and beauty of the prose, (kudos to writer and translator) I can’t give it 5 stars. The border-less map was not much of a help and Monika’s photography was frequently cited, but not one picture is included.

  3. 4 out of 5

    Laurie

    Borderlands and frontiers have long fascinated me. Paolo Rumiz, long time Italian journalist and world traveler, has journeyed the traditional borderlands of Europe made new by the European Union; what Rumiz calls "fortress Europe." Rumiz and his traveling companion prefer their Europe wild and raw which is why they commit to traveling the non-EU side of the vertical border from Murmansk Russia to Istanbul by train and bus for most of their journey. Through a portion of Europe which is little wr Borderlands and frontiers have long fascinated me. Paolo Rumiz, long time Italian journalist and world traveler, has journeyed the traditional borderlands of Europe made new by the European Union; what Rumiz calls "fortress Europe." Rumiz and his traveling companion prefer their Europe wild and raw which is why they commit to traveling the non-EU side of the vertical border from Murmansk Russia to Istanbul by train and bus for most of their journey. Through a portion of Europe which is little written about we meet gregarious grandmothers, gangsters, surly youth and back-to-the-land authors who share their stories about life and history. Rumiz and his companion have an open attitude to the people and places they experience which is very refreshing. They also understand the deep historical and cultural nuances of lands where there is a deep void resulting from the forced deportations, relocations and exterminations of peoples over the last century. About the market square in Chernivtsi Ukraine, the former Czernowitz, center of Jewish culture and learning, Rumiz has to say: "All around are Cossack butchers with cascading mustaches, buxom Moldovian farm women, vociferous Romanians selling strings of braided onions, bony-faced Carpathian natives with baskets of mountain herbs and greens. The only missing player in this chaotic scene is the Hassidic Jew with his wide-brimmed black hat, black long coat, and curls down to his shoulders." He understands what has been lost. And the rich strangeness that yet remains.

  4. 5 out of 5

    Massimiliano

    Un gran bel viaggio, di quelli che piacerebbe fare anche a me. Ecco perchè ho letto questo libro, il tragitto parecchio suggestivo visto con occhi italiani (che non necessariamente è un bene ma quantomeno è il punto di vista più vicino a me). Da Murmansk a Odessa, a cavallo della "nuova cortina di ferro", il confine orientale dell'Unione Europea. Ma non si tratta solo di descrivere la condizione attuale: attraversare quei luoghi, Carelia, quella che fu la Prussia Orientale, Galizia, Podolia, sign Un gran bel viaggio, di quelli che piacerebbe fare anche a me. Ecco perchè ho letto questo libro, il tragitto parecchio suggestivo visto con occhi italiani (che non necessariamente è un bene ma quantomeno è il punto di vista più vicino a me). Da Murmansk a Odessa, a cavallo della "nuova cortina di ferro", il confine orientale dell'Unione Europea. Ma non si tratta solo di descrivere la condizione attuale: attraversare quei luoghi, Carelia, quella che fu la Prussia Orientale, Galizia, Podolia, significa anche rievocarne la memoria e i ricordi, le popolazioni vissute da quelle parti prima delle varie pulizie etniche del novecento. C'è e si sente il vuoto lasciato dagli ebrei. Ho apprezzato molto la narrazione di Rumiz, riesce ad amalgamare bene le geografie e la storia; forse in alcuni casi qualche commentino di troppo, ma sopportabile.

  5. 4 out of 5

    Tuck

    fast paced, thoughtful, off the tourist path trip from far north in murmansk (and farther north than that)) zig zagging south crossing and recrossing borders between russia and not-russia in finland, estonia, latvia, Lithuania, poland, urkraine, Belarus, ending in odessa. did i leave some countries out? he and his partner travel mostly by local bus and train, so they get to meet lots of local folks, and they de-train in the unlikeliest places, so get to see lots of local sights, and most any giv fast paced, thoughtful, off the tourist path trip from far north in murmansk (and farther north than that)) zig zagging south crossing and recrossing borders between russia and not-russia in finland, estonia, latvia, Lithuania, poland, urkraine, Belarus, ending in odessa. did i leave some countries out? he and his partner travel mostly by local bus and train, so they get to meet lots of local folks, and they de-train in the unlikeliest places, so get to see lots of local sights, and most any given spot in this zigzag line has 100's and 100's of years of history and happenings, which author deftly folds into his modern narrative. he totally calls and reports on what has happened in urkraine, and what will happen with this border lands in the future too? he goes on and on about his partner's photographing, but not one single one in book, and just a hand drawn map, no citations , no index. a bit maddening, that no-pic policy, as rizzoli ex libris produces mostly illustrated books. but it seems that is situation http://www.rizzoliusa.com/book.php?is...

  6. 4 out of 5

    Philip Dingle

    A fascinating read that sheds light on an under-reported part of the world. Shows how much more an inquiring mind can discover by traveling on public transport rather than by car. As Rumiz notes, politicians should travel on buses and trains more often. Was disappointed not to have seen some of traveling companion Monika's photographs; Rumiz is good at painting a picture with words, but photos have their value too. Highly recommended. A fascinating read that sheds light on an under-reported part of the world. Shows how much more an inquiring mind can discover by traveling on public transport rather than by car. As Rumiz notes, politicians should travel on buses and trains more often. Was disappointed not to have seen some of traveling companion Monika's photographs; Rumiz is good at painting a picture with words, but photos have their value too. Highly recommended.

  7. 4 out of 5

    Yves Gounin

    Le récit de voyage est un genre toujours florissant. Il suffit d’arpenter les bonnes librairies pour s’en convaincre : les livres de Nicolas Bouvier, d’Alexandra David-Néel ou d’Albert Londres y occupent autant sinon plus de place que les derniers opus de Henry Kissinger, de Thomas Friedman ou de Alexandre Adler. Les ressorts du succès de ces long-sellers ont changé : il y a un siècle, les lecteurs de Pierre Loti ou de T.E. Lawrence étaient initiés à des mondes inconnus et inaccessibles. Aujourd Le récit de voyage est un genre toujours florissant. Il suffit d’arpenter les bonnes librairies pour s’en convaincre : les livres de Nicolas Bouvier, d’Alexandra David-Néel ou d’Albert Londres y occupent autant sinon plus de place que les derniers opus de Henry Kissinger, de Thomas Friedman ou de Alexandre Adler. Les ressorts du succès de ces long-sellers ont changé : il y a un siècle, les lecteurs de Pierre Loti ou de T.E. Lawrence étaient initiés à des mondes inconnus et inaccessibles. Aujourd’hui, il n’existe plus de terra incognita. Les vols low cost d’abord, Google maps ensuite ont réduit les distances et tué le mystère qui entourait les contrées les plus reculées du globe. Pour autant, nous continuons à lire des récits de voyage. Qu’y recherchons-nous ? A nous évader d’un monde occidental aseptisé et uniformisé ? A renouer des liens humains authentiques que la modernité déshumanisée n’autorise plus ? A communier avec une nature dont l’artifice de notre civilisation urbaine nous a éloigné ? Loin de la linéarité et de la trépidance de nos vies modernes, les récits de voyage prendraient le temps de l’errance, du vagabondage, de la lenteur. Ils seraient plein de rencontres inopinées, avec de « vraies gens » dont les témoignages sincères nous en diraient plus que de fastidieux exposés géopolitiques. Le récit de voyage de Paolo Rumiz a cette prétention-là. Grand reporter à La Repubblica, ce sexagénaire Triestin qui est né et a grandi à quelques kilomètres du rideau de fer s’est senti orphelin de cette frontière lorsque la Slovénie est entrée dans Schengen le 21 décembre 2007. Il a décidé, l’été suivant, d’entreprendre un long périple de plus de 6.000 km, zigzaguant le long de la frontière orientale de l’Europe. Cette longue descente de « l’Europe verticale », de Mourmansk à Odessa, plus longue que ne le serait la traversée d’Ouest en Est du continent européen, est l’occasion de traverser des régions poétiques : la Carélie et ses myriades de lacs, la Courlande des Chevaliers teutoniques, la Polésie qui marque la ligne de partage des eaux entre la Baltique et la mer Noire, la Podolie aux confins de la Slovaquie, de la Hongrie, de la Roumanie et de l’Ukraine. Elle est surtout l’occasion d’une réflexion sur les frontières. Une frontière entre l’Est et l’Ouest qu’il n’est pas plus aisé de traverser après qu’avant la chute du Mur, mais qui est plus poreuse aux mafieux corrupteurs qu’aux migrants désargentés. Une frontière dont le tracé est moins linéaire qu’on ne le croit : Kaliningrad forme une enclave russe au milieu de l’Europe, la Biélorussie, « dernière dictature d’Europe », fait tampon entre la Pologne et la Russie, l’Ukraine est divisée en deux, voire en trois, entre la Galicie qui n’a jamais tourné la page de l’Empire austro-hongrois et le bassin houiller du Donbass irrésistiblement aimanté à la Russie (et bastion électoral du président pro-russe Ianoukovytch). Une frontière entre le Nord et le Sud qu’on néglige trop souvent : le livre de Paolo Rumiz souligne jusqu’à la caricature la différence entre l’Estonie taiseuse et la Lettonie plus expansive. Mais la frontière la plus significative divise les hommes plus que les espaces. Elle sépare l’ancien et le neuf, les vieux et les jeunes, les nostalgiques d’un ordre révolu et les profiteurs d’un capitalisme débridé. Paolo Rumiz prend le parti des premiers contre les seconds. Il chante la beauté des paysages, exalte la générosité de ses habitants, met en garde contre les atteintes portées à l’environnement. Sont ainsi réunis les ingrédients qui font le succès habituel des récits de voyage. Pour autant, le genre a ses limites. A trop exalter l’authenticité des « petites gens » et la vérité de la terre qui, elle, ne ment pas, l’écrivain-voyageur – qui derrière une humilité feinte se donne volontiers le beau rôle – n’est-il pas en passe de devenir le héraut d’une idéologie rétrograde ?

  8. 5 out of 5

    Soobie's scared

    Dal punto di vista geografico, credo di aver imparato di più da questo libro che da x anni di scuola. Sto cominciando ad apprezzare Rumiz. Lo conoscevo solo per i suoi reportage su Repubblica, non come scrittore. Poi, quest'estate, ho ascoltato l'audiolibro di La cotogna di Istanbul: Ballata per tre uomini e una donna e ho sentito il profondo amore di Rumiz per i Balcani. E mi piaceva il Max bambino, che vedeva un confine e gli veniva voglia di attraversarlo. Qua cosa succede? É il reportage di u Dal punto di vista geografico, credo di aver imparato di più da questo libro che da x anni di scuola. Sto cominciando ad apprezzare Rumiz. Lo conoscevo solo per i suoi reportage su Repubblica, non come scrittore. Poi, quest'estate, ho ascoltato l'audiolibro di La cotogna di Istanbul: Ballata per tre uomini e una donna e ho sentito il profondo amore di Rumiz per i Balcani. E mi piaceva il Max bambino, che vedeva un confine e gli veniva voglia di attraversarlo. Qua cosa succede? É il reportage di un viaggio fatto nel 2008 da Rumiz e da Monika Bulaj, interprete e fotografa. É partito dalla Norvegia e ha seguito l'asse nord-sud fino al porto di Odessa, in Ucraina, passando sempre vicino al confine russo o attraversandolo. Si attraversa la Norvegia, la Finlandia, i tre staterelli baltici, Kaliningrad, la Polonia, la Bielorussia, per arrivare in Ucraina. Ci sono dei ritratti di persone incontrare durante il viaggio che rimangono impressi nella memoria. Rumiz è triestino, è gente di confine. E non capisco la sua nostalgia per un confine che non c'è più. Sì, se non c'è il confine, non lo si si può attraversare. Ma... Non è forse più semplice poter viaggiare in un'Europa senza confini? Anche il discorso della nonnina di Rumiz che andava in treno da Trieste alla Transilvania in un solo giorno mi lascia un po' perplessa. Perfino in Veneto ci sono tratte ferroviarie che sono più lente adesso rispetto a cinquant'anni fa. E sono in Veneto. La nonnina di Rumiz, suddita dell'impero austro-ungarico, aveva il vantaggio di vivere in un grande stato che faceva di tutto per stare in piedi mantenendo le differenze tra le diverse regioni conquistate. Ovvio che il treno fosse il trasporto per eccellenza. Rumiz prova nostalgia per un mondo che non esiste più. Per le regioni storiche che i confini nazionali hanno cancellato: Galizia (quella in Polonia, non quella in Spagna), Dobrugia, Carelia e altre che non ricordo. E sembra prendersela con l'UE, la causa ultima della cancellazione dell'identità di quest'Europa minoritaria. Sì, dice che dopo la Seconda Guerra mondiale si son mossi - contro la loro volontà - milioni di persone ma lo stesso: tutto era meglio prima. Non sembra nostalgia del periodo comunismo, bensì qualcosa di molto più antico. L'autore accenna spesso a Monika, la sua compagna di viaggio fotografa e interpreta. E la descrive mentre scatta foto molto particolari. Beh, mi sarebbe piaciuto vederne qualcuna di queste foto. Un libro di viaggi senza neanche un'immagine... Peccato! A parte tutte queste cose è un libro molto bello e dettagliato. Ecco, forse scorre troppo veloce mentre uno vorrebbe che l'autore si soffermasse e spiegasse meglio un determinato punto. Lo comprerò sicuramente!

  9. 5 out of 5

    Novella Semplici

    Forse un po' meno elegiaco e quindi leggermente inferiore al testo sulla guerra che lessi qualche anno fa ("Come cavalli che dormono in piedi"). In ogni caso è come sempre ottimo resoconto di viaggio, in cui, come tutti i buoni viaggiatori dovrebbero fare, ci si documenta su storia, politica, usi, persone, religioni. Classico diario miscellaneo del viaggio per "l'Europa verticale",sulla frontiera est-ovest, dalla Finlandia a Istanbul. Mille le suggestioni, le citazioni degne di memoria. Ma come Forse un po' meno elegiaco e quindi leggermente inferiore al testo sulla guerra che lessi qualche anno fa ("Come cavalli che dormono in piedi"). In ogni caso è come sempre ottimo resoconto di viaggio, in cui, come tutti i buoni viaggiatori dovrebbero fare, ci si documenta su storia, politica, usi, persone, religioni. Classico diario miscellaneo del viaggio per "l'Europa verticale",sulla frontiera est-ovest, dalla Finlandia a Istanbul. Mille le suggestioni, le citazioni degne di memoria. Ma come mi successe anche l'altra volta, verso la fine ci si annoia un po'. In questo testo addirittura l'arrivo a Istanbul è quasi tirato via, come se l'interesse si fosse esaurito prima. È comunque un libro che merita moltissimo perché racconta le regioni sconosciute ai più, le repubbliche baltiche, la Polonia, l'Ucraina, la Russia non frequentare dai turisti. Quelle del melting pot di tanti popoli, e diverse religioni; della persecuzione contro gli ebrei; della mafia, del comunismo ormai finito. La situazione geopolitica odierna la si vede in Juve, essendo un po' datato, ma mantiene il suo fascino.

  10. 5 out of 5

    Vale Severin

    Una lettura che è stata un viaggio, lento ma non pesante. A metà percorso ho avvertito stanchezza, ma la guida Rumiz ha saputo infondere nuova energia alla lettrice-viandante con le sue digressioni storiche letterarie e filosofiche.

  11. 5 out of 5

    Marco Beneventi

    È il Giugno 2008 e Paolo Rumiz, scrittore con la passione per i viaggi, decide di partire, spinto dalla voglia di riscoprire quelle frontiere fatte di reticolati, altane e controlli (cadute con il trattato di Schengen) per un lungo viaggio che taglierà l’Europa verticalmente da Kirkenes in Finlandia, sino ad Istambul in Turchia, assieme a lui Monika Bulaj, fotografa, interprete e intervistatrice che lo accompagnerà in questo tragitto a zig-zag sui confini dell’Europa unita. “Trans Europa Express” È il Giugno 2008 e Paolo Rumiz, scrittore con la passione per i viaggi, decide di partire, spinto dalla voglia di riscoprire quelle frontiere fatte di reticolati, altane e controlli (cadute con il trattato di Schengen) per un lungo viaggio che taglierà l’Europa verticalmente da Kirkenes in Finlandia, sino ad Istambul in Turchia, assieme a lui Monika Bulaj, fotografa, interprete e intervistatrice che lo accompagnerà in questo tragitto a zig-zag sui confini dell’Europa unita. “Trans Europa Express”, scritto da Rumiz nel 2012 è un meraviglioso diario di viaggio di un uomo assetato di conoscenza, storie e di umanità. Lungo il racconto che si snoda principalmente in piccoli zone fuori dalle rotte turistiche, in territori “vergini” fatti di paesini spesso ancorati al passato, il lettore incontrerà assieme al nostro viaggiatore, una variegata umanità, guardiacaccia, pescatori d’alto mare, minatori, battelieri, ex detenuti, soldati, preti ortodossi, ex sommergibilisti, rabbini, contadini, taxisti, gente di malaffare, contrabbandieri, tutti con un’infinita voglia di raccontare e raccontarsi. Con una scrittura semplice e senza fronzoli, e pagine si riveleranno molto evocative, svelando infinite suggestioni (forse a volte non troppo approfondite, cosa che non avrebbe guastato) che faranno “viaggiare” con la mente il lettore. Spazi immensi e incontaminati, vecchie case in legno, campi coltivati, boschi, fiumi, stazioni, castelli, Sinagoghe, bettole, Chiese e cimiteri saranno i fondali di questo meraviglioso viaggio che non sarà solo un semplice diario di viaggio ma anche e soprattutto uno spunto di riflessione, molto spesso sottolineato dalle parole degli stessi incontri fatti da Rumiz lungo la strada, sul pericolo del progresso ma ancor di più del capitalismo senza scrupoli che sempre più spesso mette a rischio piccole perle del passato giungendo molto spesso in paesi praticamente sconosciuti e che non hanno nulla da offrire se non la volontà di mantenimento di un vivere ormai superato, fatto di usanze e costumi millenari, fagocitato purtroppo senza pietà da quella modernità, spesso asettica e dedita al consumismo sfrenato, che tanto impera ai nostri giorni. “Trans Europa Express” è diario di viaggio fisico, mentale e spirituale sui bordi di quell’Europa che si dice unita ma che sempre più spesso si vede frammentata e arroccata nei propri nazionalismi, che lascia alla fine della lettura una fortissima sensazione di voler partire, zaino in spalla, per scoprire il mondo oltre il confine.

  12. 4 out of 5

    Svalbard

    La dialettica del dentro e del fuori… Alcuni anni fa, con l’adesione al trattato di Schengen della Slovenia, lo strettissimo confine alle spalle di Trieste venne improvvisamente meno, e la bella città adriatica si vide improvvisamente restituita la libera circolazione in un retroterra che nel passato aveva fatto la sua storia, arrivando fino alla Capitale Vienna, di cui essa era l’importante porto. Per festeggiare la caduta di quel confine claustrofobico, in una piccola osteria a ridosso di un va La dialettica del dentro e del fuori… Alcuni anni fa, con l’adesione al trattato di Schengen della Slovenia, lo strettissimo confine alle spalle di Trieste venne improvvisamente meno, e la bella città adriatica si vide improvvisamente restituita la libera circolazione in un retroterra che nel passato aveva fatto la sua storia, arrivando fino alla Capitale Vienna, di cui essa era l’importante porto. Per festeggiare la caduta di quel confine claustrofobico, in una piccola osteria a ridosso di un valico di frontiera si ritrovarono alcune persone, tra cui il giornalista triestino Paolo Rumiz e il suo amico ebreo Moni Ovadia e, allo scoccare della mezzanotte, assieme ad alcuni sloveni fecero a fette la barra di confine con una sega elettrica. Fu quell’episodio che fece venire in mente a Rumiz, grande raccontatore di geografie e di viaggi, di andare a vedere dove fosse il nuovo confine dell’Europa, che nel giro di pochi anni si era spostato di svariate migliaia di chilometri verso est. Così, assieme alla sua compagna, una fotografa polacca grande esperta di culture, popoli e religioni, partì verso Kirkenes, il porto più settentrionale della Norvegia, confinante con la Russia, per percorrere con mezzi di fortuna, quasi da hippy saccopelista (a sessant’anni) la nuova linea di confine da nord verso sud, e raccontarne i luoghi e gli eventi. Il racconto è questo libro. Ovviamente si tratta di una narrazione di viaggio ai massimi livelli, che dà ampiamente conto di tutti gli incontri, fortuiti o no, che avvengono nel corso del viaggio. Le tundre e i boschi di betulle artici, lo sfruttamento indiscriminato del suolo, le privatizzazioni, la sopravvivenza degli indigeni con il loro sciamanesimo naturalista e le forme cristiane ortodosse, gli ebrei che non ci sono più (non tanto per via di Hitler, ma per la fine dell’Unione Sovietica che li ha resi liberi di andare altrove) ma hanno lasciato spirito e memoria, i Paesi baltici sui quali già sventola la bandiera stellata dell’Unione Europea e pieni di astio e livore nei confronti degli ex-dominatori russi, l’arroganza e la cafonaggine dei nuovi ricchi - russi e non solo - che si comprano tutto il comprabile, compresi boschi e terreni, estromettendone quelli che da millenni ne erano i legittimi occupanti... Rumiz non fa sconti a nessuno, e non nasconde la sua palese antipatia per l’Unione Europea, fin dall’introduzione: “Varcando il confine dell’Estonia o della Polonia avevo una sensazione bruciante: ad ovest l’avventura finiva, nel taccuino le annotazioni erano destinate a rarefarsi e nell’aria c’era quell’impasto inconfondibile di zuccheroso perbenismo cattolico e ossessione protestante del “fare” che avvelena il mio mondo. Ho provato fastidio immediato per il suo moralismo, la sua pulizia farmaceutica, i suoi noiosi fiorellini alle finestre, la sua immotivata presunzione di innocenza. E anche la sua convinzione di essere il cervello di uno spazio politico capace di autocontrollo, non il suo stomaco, esposto a mali di pancia di bassissima origine” O ancora, a proposito dei russi costretti a rinunciare alla loro identità e ai loro diritti politici per il fatto di vivere in Lettonia, ammessa nell’UE assieme ad altri Paesi con la stessa incomprensibile fretta che ne ha allargato i confini in maniera dissennata, senza dare tempo ai medesimi di fare qualche decennio di adeguati esercizi di democrazia: “Tira fuori il passaporto, mostra una stampigliatura in lingua lettone: NEPSILONA PASE. Poco sotto, la traduzione inglese: ALIEN’S PASSPORT. Cioè: alieno, non persona, uno che non può votare nemmeno alle comunali. “Che vuoi, non sono abbastanza lettone, non sono più russa, e il mio primo documento era sovietico. Siamo in mille così nel paese. Dovremmo passare un esame di lingua e uno di lealtà nazionale, ma che vuoi, io il lettone sono troppo vecchia per impararlo. Sai, all’inizio ero molto abbattuta, oggi non ci faccio caso.” La ascolto pieno di vergogna. Vorrei diventare alieno anch’io, urlare contro questo fascismo perbene che invade l’Europa, Italia inclusa”. Ancora: “Poiché tutti i generi alimentari non targati Ue sono considerati “impuri”, ecco che panini, prosciutti, dolci e salami fatti in casa devono essere mangiati sul posto o buttati in una discarica fuori dal treno. (...)“Signora, il salame,” insiste una giovane in divisa con una moscovita che non si rassegna a mollare il suo tesoro. “La prego, sono arrivata da Mosca, non lo farò mai più... Me ne lasci almeno la metà.” “Non posso, signora.” “Sapesse come è buono, non ce ne sono da voi di così buoni. È il più buono e il più caro.” Dal borsone esce una cosa enorme, roba di tre chili, dal micidiale odore di aglio. “Va bene, glielo do.” “Signora, io non lo posso toccare, deve portarlo fuori lei.” Così la russa si alza ed esce, scortata, fino al cassonetto della vergogna. Benvenuti in Eurolandia, mesdames et messieurs.” (...) “ La frammentazione del mondo sovietico e poi il muro della Fortezza Europa hanno distrutto gran parte dei vecchi collegamenti transnazionali. Nessuno mi toglierà la certezza che l’Europa era più Europa un secolo fa, quando mia nonna andava in treno in giornata da Trieste alla Transilvania.” . Né all’Italia va molto meglio: “La memoria: ecco il tema chiave. Se la Germania ha pilotato il suo allargamento è anche perché ha ammesso le sue colpe storiche, e questa ammissione l’ha resa leggera e meno ambigua anche in territori dove ha compiuto i peggiori stermini. L’Italia no. L’Italia continua a far finta di non essere stata fascista e di aver vinto la guerra. Invece è stata fascista eccome; e ha perso la guerra, proprio nelle mie terre. La Germania ha fatto dei suoi “giorni della memoria” il tempo della responsabilità e del pentimento. Da noi, la parola memoria fa quasi sempre rima con autoassoluzione. Vi prego, non parlatemi di “italiani brava gente”, perché abito sul luogo del misfatto. A Trieste Mussolini ha proclamato le leggi razziali contro gli ebrei, e quella scelta sciagurata ha avuto il suo preludio quasi vent’anni prima con lo schiacciamento politico, economico e linguistico della vasta comunità slovena. So che durante la guerra non ci furono solo campi di sterminio nazisti, ma anche lager gestiti dal fascismo, con migliaia di morti di stenti. Perché di questo si parla poco? Perché continuiamo a rivangare il tempo delle atroci vendette jugoslave del dopoguerra come se fossero nate dal nulla? L’Italia non ha avuto la sua Norimberga. Ecco perché non ha l’autorevolezza per chiedere ai vicini di fare pulizia nella loro memoria. Per questo, un pezzo del mio golfo resta ancora spazio extracomunitario”. La conclusione è che Rumiz trova il centro della sua Europa proprio in quello che ne viene percepito come il margine est-erno, in un coacervo di popolazioni diversissime tra loro come etnia, religione, atteggiamenti. Ma è proprio lungo quel margine che Rumiz avverte anche pericolose tensioni, non soltanto etniche, e una fortificazione della frontiera ben peggiore di quella dell’epoca della guerra fredda. Un libro che fa pensare, e che fa venire subito una gran voglia di partire…

  13. 5 out of 5

    Ylenia

    Da un punto di vista geografico e geopolitico questo resoconto di viaggio è molto affascinante. Rumiz descrive regione geografiche e città dell'Est Europa che personalmente non avevo mai sentito nominare, nonostante non mi reputi del tutto ignorante in materia. Il viaggio fa emergere la storia, la politica, le religioni e i costumi dei paesi attraversati (tutti aspetti che si dovrebbero approfondire quando si viaggia) raccontati attraverso le esperienze dirette delle persone incontrate lungo il Da un punto di vista geografico e geopolitico questo resoconto di viaggio è molto affascinante. Rumiz descrive regione geografiche e città dell'Est Europa che personalmente non avevo mai sentito nominare, nonostante non mi reputi del tutto ignorante in materia. Il viaggio fa emergere la storia, la politica, le religioni e i costumi dei paesi attraversati (tutti aspetti che si dovrebbero approfondire quando si viaggia) raccontati attraverso le esperienze dirette delle persone incontrate lungo il cammino. La caduta dell'Urss, le conseguenze sociali-economiche, l'incontro-scontro fra popoli di culture diverse. Alla fine della lettura ti senti piuttosto arricchito culturalmente. Due punti che mi hanno fatto un po' storcere il naso sono questa specie di idealizzazione nostalgica dell'ex Unione Sovietica, che è piuttosto palese, e l'aspra critica all'Occidente e alla globalizzazione, a cui lui sembra attribuire la perdita dell'identità dei luoghi e delle minoranze etniche che si ritrovano oggi rimescolate "nel minestrone insipido del Globale". Non sono molto d'accordo e per essere un giornalista l'ho trovato molto di parte. Inoltre non ho potuto fare a meno di notare il modo in cui venivano descritte le donne incontrate nel viaggio: mentre gli uomini venivano presentati come "lo scrittore" o "il capotreno" le donne erano sempre "la bionda" o "la bruna", quindi ridotte quasi sempre al loro aspetto fisico con commenti personali un po' fuori luogo - forse sto esagerando e l'ho notato solo io, ma mi ha un po' infastidito.

  14. 5 out of 5

    Iana

    A very interesting exploration of the (no longer so) new frontier between Schengen Europe and what lies further East, namely Russia, Belarus and Ukraine. We get to discover remote and unfamiliar places such as the frontier between Finland and Russia, where it snows even in June, while at the same time the sun never sets because of the summer solstice. It"s an on-the-ground exploration of what life is along that frontier. I am a bit sceptical of some of Rumiz's sentimentalism. He idealises some s A very interesting exploration of the (no longer so) new frontier between Schengen Europe and what lies further East, namely Russia, Belarus and Ukraine. We get to discover remote and unfamiliar places such as the frontier between Finland and Russia, where it snows even in June, while at the same time the sun never sets because of the summer solstice. It"s an on-the-ground exploration of what life is along that frontier. I am a bit sceptical of some of Rumiz's sentimentalism. He idealises some supposedly genuine old, 'real" Europe, and rejects everyting modern. I am always wary of that kind of romanticism. But apart from that it"s a very good story that keeps you engaged and actually is very interesting and fun to read. And by the way his romanticism might help bring down more Western prejudices about people in the East, prejudices which sadly are an unpalatable reality. He is also very receptive to the big blank left in towns,, villages, cities and neighbourhoods by the destruction of the Jewish community during the Nazi era, but also in the 1990s, when the community emigrated after the fall of Communism. I felt and sensed that "blank" and absence myself when travelling to Poland and Ukraine more or less at the same period as Rumiz.

  15. 5 out of 5

    Mitch

    This book gets an average rating not because of the writing quality, which was excellent, but because of the place and purpose of his travels. I just couldn't find much there that spoke to me. He traveled along a vertical axis, back and forth as practicality demanded, along the eastern edge of the EU which often brought him into or near Slavic nations I know so little about. Unfortunately, much of what he wrote about involved historical power struggles and slaughters of millions. More interesting This book gets an average rating not because of the writing quality, which was excellent, but because of the place and purpose of his travels. I just couldn't find much there that spoke to me. He traveled along a vertical axis, back and forth as practicality demanded, along the eastern edge of the EU which often brought him into or near Slavic nations I know so little about. Unfortunately, much of what he wrote about involved historical power struggles and slaughters of millions. More interesting were the small scenes he recorded involving brief conversations he had with local people he met. The physical geographies were generally not all that interesting. I most liked the incident he had on a train involving a cigarette smoker who held everyone up while questioned by the police, then returned and took apart the seats to retrieve cartons of cigarettes they hadn't found that he was smuggling. (The author had to get up from his seat; there were cigarettes under him he hadn't known about.) And the other passengers who had been held up didn't condemn the man; they merely thought he had a family to feed and their acceptance helped him. Not a bad book, but not the most engrossing travel book either, all things considered.

  16. 5 out of 5

    Nathan Albright

    Reading this book as part of my contextual reading for my upcoming trip to Estonia [1], I was struck by the elegance of this author's prose as well as the general sense of melancholy the author demonstrated in his desire to go to fault lines and to explore the unfinished business of the 20th century in Eastern Europe, which is peripheral in terms of knowledge and familiarity but central in terms of sheer geography. For those who enjoy sad tales of forgotten lands inhabited by people whose lives Reading this book as part of my contextual reading for my upcoming trip to Estonia [1], I was struck by the elegance of this author's prose as well as the general sense of melancholy the author demonstrated in his desire to go to fault lines and to explore the unfinished business of the 20th century in Eastern Europe, which is peripheral in terms of knowledge and familiarity but central in terms of sheer geography. For those who enjoy sad tales of forgotten lands inhabited by people whose lives and whose struggles form the fuel for the fires of revolution and warfare, and who are the inheritors of a difficult destiny of oppression and the horrors of nationalism and fanatical political movements like fascism and communism. The role of psychology and personal background in influencing a writer's path is also notable, given the fact that as an Italian of Trieste, with personal experience in living on the fault lines of complicated geography it is not surprising that the author would be drawn to other such places in his own backyard. What is surprising is the degree of poignancy about his writing, and the pervasive sense of sadness about the trip, despite the fun it must have been for the author and his companion. The book consists of a series of thoughtful travel essays that begin at the end of the journey and that take the reader on a fascinating and elegantly told trip from the frozen reaches of the Arctic Ocean to the sunny shores of the Black Sea, and through many contested and forgotten borderlands and small regions in between. A great deal of time is spent in the Barents Sea, in Kola, around the White Sea, and in Karelia, that Finnish territory stolen by the wicked Soviets in the Winter War [2], before the author examines the silence of the Estonians, the friendliness of most Russians, the tension between Orthodox, Catholic, Jewish, and Pagan in the pale of former imperial Russia, the way to tell beautiful Austro-Hungarian cities in Poland, Belarus, and Ukraine, and continual discussions with commonfolk on the rapacity of corrupt elites and the dangers of nationalism as well as criminal organizations, which at times includes the government, as in Belarus and its overly paranoid police state. The author shows himself to be full of startling insights and a strong willingness to share his stories and belongings with those he meets, with a generosity of spirit as well of possessions, and possessing a good way with words and even a willingness to help provide cover for some smugglers along the way. The author is not necessarily the most appealing person in terms of his leftist and somewhat anarchic political worldview, but it cannot be overestimated just how gorgeous the prose of this book happens to be [3]. It takes a special kind of person, someone not entirely sane, to go to the frozen north and to willingly trek along an epic vertical cultural boundary within Europe that is only imperfectly represented on maps while recovering from a broken foot. This author may not be perfectly sane, but in many ways I found myself rooting for the old man, appreciating his sensitivity and generosity of spirit to the people around him, enjoying his love for Old Believers and his respect and regard for the importance of Jewish culture and the immense violence done against them by Hitler and Stalin and others of their ilk. This book in many ways is haunted by the ghosts of the past, like any good book about the area, and the author appears like the best sort of remnant of a more tolerant and ecumenical Austro-Hungarian mindset, like the explorers of Franz Josef Land who he praises so heartily in these pages. Anyone writing a travelogue would do as well to be as quirky and as pleasant to read as this man, who appears like the sort of writer one would like to get to know personally, and spend a few hours eating and chatting with along one's mutual journeys. [1] See, for example: https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... https://edgeinducedcohesion.wordpress... [2] See, for example: https://edgeinducedcohesion.wordpress... [3] See, for example: "We cross the tracks of platform one, our legs turned to mush from sadness, our black rosary in hand. Alexander. We'll carry in our hearts forever the gaze of this orphan with the tender heart, stranded on a troubled road (84)." "We stop at a bar. It's full of well-mannered, round-faced Estonians, and the place is, obviously, silent as a tomb. A family is sitting at a table eating a quick lunch in perfect silence. I begin to understand Adamov. It's impossible to learn a language from people who never talk (136)." "My journey along the new Iron Curtain is over. I went looking for a real frontier, and I found it. At times it coincided with national borders; at other times, not. In Ukraine I had the impression that it was dangerously threatening to split the country in two, and now in Istanbul I have the impression that this white line runs right through me and is cutting through my soul like barbed wire. I wonder what will become of the old Europe, of its martyred peasant and Jewish heart swept away by too many wars. The train for Belgrade is waiting for me at the Sirkeci Station. I've got very little time to close the circle (253)."

  17. 5 out of 5

    Roberta

    In questo 2020 in cui viaggiare è impossibile, Paolo Rumiz mi ha accompagnato in uno splendido viaggio nella sua Europa verticale, di qua e di là dalla frontiera UE, dal profondo nord norvegese a Costantinopoli. Ho zigzagato tra Europa e ex Unione Sovietica e incontrato così tante etnie che nemmeno sapevo esistessero, gente e paesaggi con storie interessantissime. Questo è IL LIBRO del 2020. Arrivata a novembre credevo che non lo avrei trovato, invece sono stata fortunata. Un solo appunto a chi h In questo 2020 in cui viaggiare è impossibile, Paolo Rumiz mi ha accompagnato in uno splendido viaggio nella sua Europa verticale, di qua e di là dalla frontiera UE, dal profondo nord norvegese a Costantinopoli. Ho zigzagato tra Europa e ex Unione Sovietica e incontrato così tante etnie che nemmeno sapevo esistessero, gente e paesaggi con storie interessantissime. Questo è IL LIBRO del 2020. Arrivata a novembre credevo che non lo avrei trovato, invece sono stata fortunata. Un solo appunto a chi ha curato l'edizione audiobook: ricercare come si pronunciano le parole straniere presenti nella storia.

  18. 5 out of 5

    Naoko Nakamura

    L’autore si chiede se sarà riuscito a rendere la densità umana del suo viaggio. Io credo di sì, ma penso anche che abbia fatto trasparire chiaramente la sua antipatia per l’Unione Europea. Secondo l’autore il cuore della vera Europa risiede proprio in queste regioni attraversate in questo suo lungo viaggio. Ne fa un bel ritratto. Però lui stesso ammette che il confine di tutti gli stati con la Russia è labile..non certo forte come quello tra gli stati aderenti all’UE, i quali, proprio grazie all L’autore si chiede se sarà riuscito a rendere la densità umana del suo viaggio. Io credo di sì, ma penso anche che abbia fatto trasparire chiaramente la sua antipatia per l’Unione Europea. Secondo l’autore il cuore della vera Europa risiede proprio in queste regioni attraversate in questo suo lungo viaggio. Ne fa un bel ritratto. Però lui stesso ammette che il confine di tutti gli stati con la Russia è labile..non certo forte come quello tra gli stati aderenti all’UE, i quali, proprio grazie all’idea di Europa unita, riescono a collaborare e a vivere nella pace. Spesso l’autore commenta sottolineando che i problemi di integrazione e di povertà dei paesi che attraversa sono dovuti ad un’integrazione europea, che lui vede come forzata. Non sono d’accordo e credo che il fatto di aver fatto parte dell’Unione Sovietica abbia giocato un ruolo alquanto determinante.

  19. 4 out of 5

    Davide Tierno

    L'ennesimo racconto autentico e appassionante di un viaggio al limite orientale del continente Europa. Un limite chiaro dal punto di vista geografico ma non da quello culturare come Rumiz chiarisce piu' volte e come risulta chiaro al lettore "ascoltando" le storie narrate. Rumiz riesce come pochi a ricreare tramite le parole le atmosfere da lui vissute, al confine, ancora una volta labile, fra sogno e realta'. L'ennesimo racconto autentico e appassionante di un viaggio al limite orientale del continente Europa. Un limite chiaro dal punto di vista geografico ma non da quello culturare come Rumiz chiarisce piu' volte e come risulta chiaro al lettore "ascoltando" le storie narrate. Rumiz riesce come pochi a ricreare tramite le parole le atmosfere da lui vissute, al confine, ancora una volta labile, fra sogno e realta'.

  20. 5 out of 5

    Kiwi Begs2Differ ✎

    3.5 stars

  21. 5 out of 5

    Francesco Spinelli

    Adoro lo stile di Paolo Rumiz e i suoi viaggi (questo va da Capo Nord fino ad Odessa, passando su diverse frontiere). I suoi libri ti fanno conoscere luoghi ed usanze dell'Europa dell'Est, qualcosa su cui sono profondamente ignorante. Ogni tanto un po' pesante, ma lo si perdona per lo stile Adoro lo stile di Paolo Rumiz e i suoi viaggi (questo va da Capo Nord fino ad Odessa, passando su diverse frontiere). I suoi libri ti fanno conoscere luoghi ed usanze dell'Europa dell'Est, qualcosa su cui sono profondamente ignorante. Ogni tanto un po' pesante, ma lo si perdona per lo stile

  22. 5 out of 5

    Ingrid

    Resoconto interessante e, a tratti appassionante, del lungo viaggio fatto dal giornalista Rumiz da Rovaniemi, in Finlandia, fino ad Odessa, in Ucraina, passando dalle lande fredde della Russia, alla scoperta della "frontiera", la crisi ucraina e lo scenario geopolitico a venire (la Crimea, l'est filorusso e il desiderio di occidentalizzazione del resto del paese). Attraverso mezzi di fortuna, piccoli giacigli e il costante inguaribile desiderio di trovarsi "in mezzo alle cose", vivere gli incontr Resoconto interessante e, a tratti appassionante, del lungo viaggio fatto dal giornalista Rumiz da Rovaniemi, in Finlandia, fino ad Odessa, in Ucraina, passando dalle lande fredde della Russia, alla scoperta della "frontiera", la crisi ucraina e lo scenario geopolitico a venire (la Crimea, l'est filorusso e il desiderio di occidentalizzazione del resto del paese). Attraverso mezzi di fortuna, piccoli giacigli e il costante inguaribile desiderio di trovarsi "in mezzo alle cose", vivere gli incontri, lasciarsi raccontare le esistenze delle persone, Rumiz restituisce un quadro fantasmatico della dolorosa e toccante catastrofe che sta attraversando i confini europei, profetizzando in parte sui fatti ucraini. “I nomadi lo sanno: le mappe non servono a orientarsi, ma a sognare il viaggio nei mesi che precedono il distacco”. “Un uomo con buone scarpe può rispondere a qualsiasi emergenza. Ha un’andatura migliore, diventa meno goffo, infonde più fiducia. La posizione eretta lo fa pensare meglio, gli regala una scrittura più rotonda, una cadenza metrica migliore. Un buon paio di scarpe conta più di tanti libri. E io, confesso, scrivo con i piedi”. “[…] si rinuncia a un insopportabile armamentario di certezze, senza affaticarsi troppo a immaginare quello che verrà. Inutile prepararsi, tanto poi il viaggio farà del suo meglio per far saltare i nostri schemi. E tutto pare una metafora della vita, una preparazione al grande trasloco. Talvolta penso che chi ha passato molte frontiere è anche più preparato a morire. Non teme l’incognita come un sedentario”. “Ho imparato nei viaggi a non far troppe domande. Meglio raccontarsi. Offrire qualcosa di sé e della propria storia perché il dialogo diventi un baratto di primizie”.

  23. 4 out of 5

    Day O'Dea

    The subject matter is interesting, but the book is marred by the fact that its writer is at heart an orientalist who writes about the eastern stretches of Europe in a way that is more commonly associated with works about Africa and Asia written by Westerners (and, no, that attitude isn't welcome in those books, either). As much as I enjoyed the descriptions of places and people, I grew weary of Rumiz's simplistic ideology wherein Western = bad, boring, bland and Eastern = mysterious, earthy, goo The subject matter is interesting, but the book is marred by the fact that its writer is at heart an orientalist who writes about the eastern stretches of Europe in a way that is more commonly associated with works about Africa and Asia written by Westerners (and, no, that attitude isn't welcome in those books, either). As much as I enjoyed the descriptions of places and people, I grew weary of Rumiz's simplistic ideology wherein Western = bad, boring, bland and Eastern = mysterious, earthy, good. Good points about things like environmental destruction and the way it impacts people who rely on the land, but the underlying assumptions and biases are nagging throughout. The failure to include any of the photos that Rumiz's photographer Monika took and was described taking throughout the journey feels like a serious misstep, and I wonder if they were missing, too, from the original printing in Italian. Maybe there was a copyright issue, but its still disappointing. I'm glad I read it, but I wouldn't do so again, and I had to start skimming when Rumiz started in on his exotic East versus soulless West thing, or I would've never been able to finish it. For all that he wants us to have greater awareness of far-flung places like Karelia and Podolia, he sure enjoys boiling it down to the exotic Other.

  24. 5 out of 5

    Simona

    "Mai come questa volta non sono stato io a fare il viaggio, ma le persone che ho incontrato. come a dire che è stato il viaggio a fare se stesso, ignorando i miei schemi mentali". Questa citazione riassume perfettamente il senso di questo libro e del viaggio che Rumiz ha intrapreso. Non sarebbe coretto definire questo libro un romanzo, in quanto è una sorta di documentario di viaggio. Un viaggio lungo, un viaggio che non è turistico, un viaggio fatto di persone diverse, di persone incontrate tra "Mai come questa volta non sono stato io a fare il viaggio, ma le persone che ho incontrato. come a dire che è stato il viaggio a fare se stesso, ignorando i miei schemi mentali". Questa citazione riassume perfettamente il senso di questo libro e del viaggio che Rumiz ha intrapreso. Non sarebbe coretto definire questo libro un romanzo, in quanto è una sorta di documentario di viaggio. Un viaggio lungo, un viaggio che non è turistico, un viaggio fatto di persone diverse, di persone incontrate tra la Finlandia, la Norvegia, i Monti Carpazi, la Cecenia fino a giungere ad Odessa, in Ucraina. Forse è vero che sono gli incontri lungo il percorso a fare il viaggio incontrando pescatori di aragoste, raccoglitrici di mirtilli, persone comuni che lottano in ogni paese del mondo e che ti arricchiscono, facendoti comprendere quanto sia bello questo modo di viaggiare, di esserci, semplicemente esistere, con il sole a mezzanotte della Norvegia, vivendo attimi di eterna, meravigliosa, struggente bellezza.

  25. 5 out of 5

    Kristen Abram

    A deep look into cultures quickly fading. I recommend this book to anyone who wants to travel to Middle Europe. It gave me the travel itch for sure.

  26. 4 out of 5

    Elizabeth

    A photographer traveled with him throughout his entire journey and there's not a single picture in his book. A photographer traveled with him throughout his entire journey and there's not a single picture in his book.

  27. 5 out of 5

    Michelle

    In the midst of a planning a trip, I've been lamenting how the internet has changed travel. I remember following vague turn-by-turn directions from a guidebook that you could only pray were leading you somewhere; wandering for ages on a path through a park that seemed so small on a map that didn't concern itself with scale; ending up at a hostel way out of town because it had given itself the name of a central town square. One friend told me that when she went to Warsaw, she was told not to both In the midst of a planning a trip, I've been lamenting how the internet has changed travel. I remember following vague turn-by-turn directions from a guidebook that you could only pray were leading you somewhere; wandering for ages on a path through a park that seemed so small on a map that didn't concern itself with scale; ending up at a hostel way out of town because it had given itself the name of a central town square. One friend told me that when she went to Warsaw, she was told not to bother booking a hotel because she'd be accosted by little old ladies in the train station offering room and board. This is the travel that Rumiz and his photographer friend Monika go in search of, and they find it at the edges of the EU--the new Iron Curtain--where the free-travel zone hardens into armed border crossings but also where travel is still a string of guesses that morph into an adventure. They travel by bus and by rail with just a small backpack each, and as they gain one thing they must relinquish another. Once they almost break down and pick up Rumiz's car to travel a particularly transit-underserved area, but when they see all the excess stuff in the car, they regain their purpose and head back to the bus. "We put down in black and white a few basic equations of travel. For example, less weight equals more encounters. Pace equals metrics equals story. And above all: the greater the difficulty, the more stories to tell. And who cares if we end up trying to hitch a ride in the middle of the Carpathians? We'll have more things to remember." (p. 196) The book is not long, but it felt like it took a bit to get off the ground, and when I thumbed back through the pages I realized that it was because he spent so much time in the frozen north, where he didn't seem to have quite as much to say. Rumiz started in Finland, crossed up into the part of Norway that is east of Finland, traveled down through Russia, and took a long, tortuous journey around a Russian border lake (where he hypothesizes that the train connections are strategically inconvenient to keep the curious from exploring the border regions). It wasn't until halfway through the book that he reached Estonia, and this was when the travelogue started to shine with the interweaving of history, people, and current events. Other readers mention that Rumiz has a touch of the Orientalist bug, and it's true that he loves the garrulous friendliness of the Russian peasants he meets and can't wait to leave the over-civilized cities of the EU. But I found he was mostly sensitive about it and only rarely veered into exoticizing of the East and condemnation of the West. About Warsaw: "The city I have loved and visited many times seems to have been sucked into the void. Bermuda shorts, ice cream cones, rude tourists, a square invaded by multicolored papier mâché bears on their hind legs with their forelegs raised in the air like fools. The analgesic illusionism of the West appears to me in all of its dementia. After just one day, I'm exhausted." (p. 193) Mostly he is in search of differences that he is worried are being erased silently by the EU: "What little there is left of the soul of Europe lives here, among the forgotten--the Russians, the Slavs, the Jews who aren't here anymore, the Gypsies perhaps" (p. 161). The worry could be more broadly interpreted as a belated lament against industrialization, which communism halted for so long in many regions. He meets many older Russians living in these borderlands who worry about the younger generation's disinterest in the land and what that will mean for the future. Rumiz writes with a poetry that is beautiful but often gets in the way of itself. It's hard to tell with a translation whether a work has the same troubles in its original language, but in English the narrative feels like it could do with a bit of colloquializing. Each sentence is so dense with heavy words, I felt like I was wading through the text when this should have been a lighter read. Even so, I'm glad to have made the journey, and it has inspired in me a curiosity about the countries of the bygone USSR--and especially a desire to experience a Russian train journey, which Rumiz describes with admiration: "With their immaculate sheets and mothering female conductors, Russian trains coddle and reassure" (p. 174). Oh, and for one of those delicately ornamented train tickets!

  28. 5 out of 5

    Greg

    Two stars in my rating system means that I thought it was an acceptable work of its type, and that I could recommend it to people likely to be interested in the subject matter. Not bad, just not uncommonly well-written or extra-insightful. And I read an English translation, so maybe Paolo comes of differently in the original version. What's good about the book is that reading about these border areas from the top of Europe to the bottom is interesting, as a matter of geography. How often does an A Two stars in my rating system means that I thought it was an acceptable work of its type, and that I could recommend it to people likely to be interested in the subject matter. Not bad, just not uncommonly well-written or extra-insightful. And I read an English translation, so maybe Paolo comes of differently in the original version. What's good about the book is that reading about these border areas from the top of Europe to the bottom is interesting, as a matter of geography. How often does an American get to learn something about Finland, Lithuania, Belarus, or Romania? And Paolo sounds like an interesting guy to have a conversation with. What's not so good about the book is Paolo's attitude toward Europe/the Schengen Agreement and the later chapters of the book, which fly by in a hurry without much to cling to. Firstly, I don't mean to criticize the author solely for hating the EU. Lots of people do. What grates is his dismissiveness towards the "Western" people on the European side of the border and his almost-too-credulous appreciation of the simple rural people of Russia. At times it almost reads like propaganda, declaiming the soul-eating vices of unbridled capitalism and the earthy superiority of the Russian peasant. Someone on the trip did try to set the record straight that it's easy for people to come off in their best light when you meet them on their own turf, and I'm glad that he set that quote in there as a counterbalance. Because it was getting pretty tiresome to hear Paolo complain every time he had to travel through a city where the trains ran on time, or where other tourists might also have some interest in visiting. But the secret theme of this book is really religious, and you might want to think of it that way in your expectations. He is a Catholic and longs from the spirit of mystery and magic that the rural peoples still appreciate. Their destination stops are all churches, monasteries, and temples. The people mix earthy pagan beliefs with ersatz Orthodox mysticism to breed hyper-local religions. In the cities, these attitudes are not popular anymore, and Paolo is bored. Sure, it's lame to get stuck in tourist traps, but I find it hard to believe that there's really no history or character in major frontier cities that Paolo passed through worthy of exploration or mention.

  29. 5 out of 5

    Freca

    Rumiz si riconferma un eccellente narratore, come già in 'come cavalli dormono in piedi' pare di stare seduti ai suoi piedi mentre ti racconta il suo viaggio guardando vecchie foto scolorite. Qui intraprende la strada del confine fra Europa e Russia, la nuova frontiera dopo la guerra fredda, la così detta Europa verticale: dalla Scandinavia fino ad Instambul. Ogni volta che lo si legge verrebbe voglia di partire zaino in spalla e ripercorrere i suoi passi o per lo meno andare a scoprire il mondo Rumiz si riconferma un eccellente narratore, come già in 'come cavalli dormono in piedi' pare di stare seduti ai suoi piedi mentre ti racconta il suo viaggio guardando vecchie foto scolorite. Qui intraprende la strada del confine fra Europa e Russia, la nuova frontiera dopo la guerra fredda, la così detta Europa verticale: dalla Scandinavia fino ad Instambul. Ogni volta che lo si legge verrebbe voglia di partire zaino in spalla e ripercorrere i suoi passi o per lo meno andare a scoprire il mondo, le persone. Il testo è cosparso di incontri che mostrano come sia il vivere ai confini dell'Unione europea, com'è il cambiamento dal prima al dopo, la vita della gente di confine che è sempre un po' di qua e un po' di là, che si trova divisa ed unità da decisioni prese dall'alto da confini che altro non sono che linee immaginarie perché il tuo vicino che sia estone come te o russo è sempre lo stesso, gli è solo capitato di avere la casa un po' più in qua o un po' più in là. Persone abituate a migrare con lo spostarsi dei confini per rimanere ritrovare dove forse sono meno dimenticate o ritrovare una patria conosciuta solo in teoria. In queste pagine si manifesta tutta la nostalgia per un mondo che non c'è più, un concetto di identità che sta mutando: la stessa malinconia che si respira nel mondo di ieri di Zweig. I cambiamenti sono sempre difficili, soprattutto quando c'è un cambio di paradigma, anche perché dai miglioramenti qualcuno rimane fuori, non si risolvono magicamente i controsensi anzi spesso trovano ugualmente terreno fertile, le decisioni generali non riescono a incorporare le esigenze particolari e chi vive al limite può far fatica a adattarsi.

  30. 4 out of 5

    Alessio

    Recensione pubblicata originariamente sul mio blog Arte della Lettura Trans Europa Express racconta del viaggio di Paolo Rumiz e della sua fotografa-interprete Marika partendo dal lontano nord, precisamente in Finlandia, scendendo poi in verticale fino al Mar Nero, cercando il più possibile di costeggiare le frontiere che l'autore tanto ama. Il racconto del viaggio di per sé è molto scarno e ridotto al minimo. Le descrizioni sono poco dettagliate, non si riescono a immaginare i luoghi solamente le Recensione pubblicata originariamente sul mio blog Arte della Lettura Trans Europa Express racconta del viaggio di Paolo Rumiz e della sua fotografa-interprete Marika partendo dal lontano nord, precisamente in Finlandia, scendendo poi in verticale fino al Mar Nero, cercando il più possibile di costeggiare le frontiere che l'autore tanto ama. Il racconto del viaggio di per sé è molto scarno e ridotto al minimo. Le descrizioni sono poco dettagliate, non si riescono a immaginare i luoghi solamente leggendo. Alcuni concetti vengono invece ripetuti più volte: belle le frontiere militarizzate, brutta l'Italia, schifo l'Unione Europea e viva l'Unione Sovietica. Rumiz ci tiene a far presente che lui preferiva le cose come erano un tempo, che l'Unione Europea ha tolto molte cose bellissime, come le frontiere militarizzate, e rimpiange i bei tempi andati in cui l'est Europa viveva sotto dittatura. Leggendo un libro di narrativa di viaggio mi aspetto un minimo di politica, per forza di cose, ma in questo caso si esagera. Una parte molto interessante del libro sono gli incontri e i discorsi con i locali, ben trascritti dall'autore e mai noiosi. L'autore spesso parla delle foto scattate da Marika, ma nessuna di queste è presente nel libro, una grave mancanza. Forse sono presenti nell'edizione più costosa del libro, quella nella collana Narratori Feltrinelli. Altre recensioni sul mio blog Arte della Lettura

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.